Dammi la manu tu ca zappi la terra e manci picca, maistru e patri di la rima ricca. Tu scrivi intra la terra e lassi signi, iu intra la menti fazzu li disigni. Unni tu affunni li lucenti lami spuntanu frutti ciuri e arvulami: unni m’affannu iu lacrimi umani. Iu intra la carta scrivu li canzuni, tu intra la terra, accordi lu zappuni. (Ignazio Buttitta)

10 ottobre 2010

Cu era Petru Fudduni?

Petru Fudduni (Pietro Fullone) faceva di mestiere l'intaglia-pietre (u pirriaturi). Di umili origini, Petru visse nella Palermo del Milleseicento, e divenne celebre per le sue famose tenzoni, cioè l'arte di attaccare o difendersi usando i versi e le rime. Venne acclamato come beffeggiatore dei potenti e paladino degli umili e dei miseri, poeta della miseria umana.
Durante la sua giovinezza ebbe modo di conoscere le dissipazioni di una vita scapestrata, ma alla fine ebbe anche modo di cantare in versi la miseria della condizione umana e le mille vanità che la caratterizzano.   

"Ora eccu la miseria di sta vita,
Anima chi tant'anni hai cunsumatu,
In offisa d'un Diu buntà infinita."

Meravigliosa la poesia che scrisse sulla morte, in cui si sofferma a pensare alla sua intera vita di intagliapietre.  In quei versi il poeta intagliapietre immagina di lavorare la sua ultima pietra che gli servirà da copertura per la sua sepoltura:

A na balata di sipultura

Balata supra tutti li balati
Tu m'hai di pirdunari si si smossa
Eu t'aiu a dari tanti martiddati
Ca t'haiu a mpicciuliri, si si grossa
Diu mi l'ha datu tanta putistati
Chi t'haiu a fari, balata di fossa
E quannu moru portami piatati
Mettimilli a un cantiddu st'afflitti ossa

L'Epitaffiu pi la sò sepultura

Petru cu petra la vita mpiau
Ntagghiannu petri di quannu nasciu;
La petra a Petru già lu sustintau
La stissa petra a Petru lu strudiu,
Oh quantu tempu beddu cc'impiau!
Fici la sipultura e la finiu:
La stissa petra chi Petru ntagghiau
Un jornu pi cummogghiu cci sirviu.